Thursday, February 13, 2014

Il blocco dello "scrittore"

Mentre Muscat combatte una battaglia persa in partenza per non soccombere alle piogge di questa mattina, io siedo sul divano in un'inguardabile combo sovrapposta tuta&pigiama. Seguono un paio di foto rubate da FB.
Salutiamo il distributore Shell al Carrefour di Qurum

L'aeroporto...
Tre quarti d'ora per tornare dall'ufficio e, di questi, 20 minuti bloccata sul MILF Bridge. A breve scattano plaid e tazza di camomilla. RAI 2 in sottofondo propone Squadra Speciale Cobra 11 e ho appena finito di mangiare un panino col salame e una caprese con vera mozzarella di bufala importata appositamente per finire nel mio frigo. Praticamente potrei essere in Italia. Invece sono in Oman e - dopo tempo immemorabile - ho aperto il blog per scrivere qualcosa. Il problema è che non so cosa. Sono mesi che latito, che penso "hehehehe, materiale goloso per un post" ma poi il post non lo scrivo. Che fare?

Nel frattempo ho raccolto articoli di giornale, foto di cose assurde/orride, persino screen shots del sito di escort filippine con le descrizioni delle prestazioni ma rimango pigra e indecisa. 

Potrei recensire la pizza che ho mangiato al nuovo ristorante O Sole Mio al Radisson con vero cuoco italiano (decisamente buoni sia il pomodoro che la mozzarella ma la pasta era deludentissima e l'equivalente di 15 euro per una Margherita, pure se c'abbiamo i petrolsoldi, mi disturba). 

Potrei disquisire a lungo sui processi per corruzione che stanno facendo cadere teste a ritmi da Rivoluzione Francese nella business community locale (se interessa, fate una ricerca su Reuters).

Potrei parlarvi della mia surreale odissea al catasto omanita.

Oppure potrei chiudere questo inutile sproloquio e concentrarmi su Squadra Speciale Cobra 11 che stanno esplodendo le macchine sull'autostrada. Sopravvivo al weekend e poi torno. Prometto.

11 comments:

Charlie Brown said...

magari hai poco da scrivere perchè stai vivendo un bel periodo :-)

Anonymous said...

ricordo ( dall'esterno) il ristorante "o sole mio"!

in Oman ci tornerei anche subito

Anonymous said...

...dimenticavo, seguo sempre con grande interesse il tuo Blog e non nascondo che mi piacerebbe trasferirmi per lavorare in Oman...anche se non ho ancora ben capito quale deve essere la via da seguire :-)

Complimenti per tutto, buona permanenza e buon lavoro

AZ said...

Charlie, insomma... diciamo che la serenità è una roba diversa :)

E tu, anonimo che osserva da fuori il ristorante O Sole Mio, che vuoi fare in Oman?

Anonymous said...

cosa voglio fare?boh, sono ingegnere meccanico, qualcosa si potrebbe "inventare" :-)

p.s.: uno di questi giorni mi registrerò, cosi non sarò più "anonimo" :-)

Anonymous said...

oh... finalmente,ma puoi fare molto,molto meglio quindi rispetta la promessa.
Sono Andrea da Milano e come mi hai suggerito sto facendo la "tara"di tutte le info
Ma qualcosa farò in Oman,almeno spero
Ciao

Anonymous said...

Ed sai scrivi di più
Non ci fai sapere nulla di te
Ormai mi sono affezionato

Anonymous said...

Ed sai era un eddai ( maledetto t9)

Saudia said...

cara AZ, anche io mi domandavo che ti fosse successo! Sara' anche il blocco dello scrittore, o sara' che a certe chicche dopo un po' ti ci abitui e non ti sembrano neanche interessanti.
Come la nenia del muezzin che sto sentendo in questo momento: in Italia qualcuno pensa ancora che abbia un che di "romantico"....magari noi, dopo un po', se ci va bene non la sentiamo neanche, ma se ci va male....
comunque welcome back! e' sempre bello leggerti

Anonymous said...

Ciao!
Posso chiederti come è la situazione a Muscat e dintorni dopo l'alluvione? Vorrei venirci in vacanza a fine aprile ma le notizie (poche) sul web sono preoccupanti!
Grazie in anticipo
Viviana

Anonymous said...

Oddio...non si fa + sentire...vuoi vedere che e' andata in Musandam a commerciare qualche montone?ahahhhh!!!
Eddai!!! AZ non lasciarci orfani.. Sfogati, sfogati.. facci sentire il tuo verbo...per giunta fluido ed interessante. Ciao